• Redazione

Cantina Bolzano premiata da Ökoinstitut Südtirol con un certificato di sostenibilità

La cantina altoatesina colleziona un nuovo successo in campo ambientale a testimonianza del suo impegno quotidiano per la sostenibilità.

Le emissioni di gas serra della Cantina Bolzano sono diminuite del 14% negli ultimi tre anni e un ulteriore miglioramento sarà presto possibile grazie all'impiego di energia solare. Sul lato nord, nel punto più alto dell'impianto di cui è dotata la cantina, sono infatti previsti 1.800 m2 di superficie fotovoltaica che dovrebbero generare 300.000 kWh di elettricità - un quarto dell'attuale consumo - grazie a un investimento di circa 500.000 euro.

"Cantina Bolzano sta dando un grande esempio con il suo sguardo verso il futuro", afferma Sonja Abrate, vicedirettrice di Ökoinstitut Alto Adige. L'istituto ha recentemente analizzato la cooperativa, modernissima seppure ricca di storia agricola e tradizione enologica, e ha redatto un dettagliato rapporto di sostenibilità: il primo nel settore vinicolo altoatesino.

"Perseguiamo da sempre l'obiettivo di svolgere il nostro lavoro in armonia con la natura", ha spiegato il presidente di Cantina Bolzano, Michl Bradlwarter. Il mastro cantiniere, l'enologo Stephan Filippi, ha aggiunto come "con il rapporto di sostenibilità stabiliamo in modo chiaro a che punto siamo giunti e come possiamo continuare a produrre vini di alta qualità in futuro assumendoci, allo stesso tempo, una grande responsabilità per le prossime generazioni".

Con i suoi 220 soci, la cooperativa vitivinicola del capoluogo altoatesino vanta pratiche invidiabili. Nella produzione, il calore è ampiamente garantito da energie rinnovabili sotto forma di pellet di legno. Il raffreddamento è principalmente naturale grazie alla cantina in parte sotterranea e in parte scavata nelle profondità della roccia che la "ospita". Il consumo di elettricità è estremamente ridotto perché nei passaggi tra una fase di lavorazione e l'altra viene sfruttata la forza di gravità: in questo modo è possibile rinunciare quasi del tutto all'utilizzo delle pompe. Nel 2019, inoltre, Cantina Bolzano ha ottenuto il marchio di qualità CasaClima Wine® grazie al nuovo efficientissimo edificio "green" e alla sua sofisticata logistica.

Non sorprende, quindi, che le maggiori emissioni di CO2 si concentrino al di fuori della cantina, ossia nel processo di produzione e durante il trasporto di imballaggi di cartone e bottiglie, anche se circa due terzi sono già oggi in vetro riciclato. L'obiettivo è ridurre il peso delle bottiglie di vino del 10-15%: questo si tradurrebbe in una riduzione delle emissioni fino al 20%.

Il rapporto di sostenibilità è un documento che elenca più di 50 misure per una migliore impatto ambientale: dall'ottimizzazione del consumo idrico utilizzando l'acqua piovana fino a colonnine di ricarica aggiuntive per le auto ibride o elettriche di dipendenti e clienti. Nell'ambito della sostenibilità sociale, ad esempio, vengono proposte misure per lo sviluppo del personale e il congedo parentale per i padri, mentre in ambito economico si investe in progetti sostenibili anche al di fuori dell'azienda. Si sta inoltre valutando la possibilità di fondare una comunità energetica assieme ai soci. Contestualmente, un gruppo di lavoro interno sta portando avanti proprio in questo periodo i passi necessari per affrontare il prossimo grande obiettivo: la certificazione di Cantina Bolzano secondo il sistema di qualità nazionale di produzione integrata (SQNPI), destinato a chi adotta sistemi di coltivazione che privilegiano l'uso di tecniche che garantiscono un minor impatto ambientale e una riduzione delle immissioni nell'ambiente di sostanze chimiche.

"È chiaro che stiamo percorrendo la strada della sostenibilità di concerto con i nostri soci", ha sottolineato il presidente Bradlwarter. "Sono loro i nostri partner più importanti e li coinvolgeremo costantemente, come già facciamo, nel percorso virtuoso che ci vede in prima linea verso un'economia sempre più sostenibile".