top of page
  • Redazione

Il futuro del vino sarà in bottiglia di plastica?

L'enologo Valentino Ciarla commenta la proposta di Gianfranco Zoppas: il vino è bene edonistico, non una commodity

È di qualche tempo fa la proposta lanciata dall’imprenditore trevigiano Gianfranco Zoppas di confezionare vino di qualità in bottiglie di plastica per ridurre l’impatto ambientale.

Il vino in bottiglia di plastica, in realtà, esiste già da tempo, ma finora è stato utilizzato per vini di primo prezzo.

"Non dubito che la bottiglia di plastica possa conservare inalterato il contenuto, anche fosse vino di qualità – afferma l’enologo Valentino Ciarla. – Il punto è che il vino è un bene edonistico, dove qualità e valore non sono elementi misurabili in modo meramente scientifico. È quindi un bene voluttuario, non un prodotto commodity, sono ormai lontani i tempi del vino-alimento".

Il suo valore evocativo è legato anche a una ritualità precisa e la bottiglia contribuisce a questo fascino. "Personalmente dubito che la bottiglia di plastica possa divenire nel breve un contenitore di riferimento per vini di qualità. Ancora oggi, infatti, ci confrontiamo con una serie di pregiudizi riguardo ai vari tipi di chiusure (plastiche, a vite o altro), figuriamoci cosa succederebbe con l’intero contenitore".

Secondo Valentino Ciarla il tappo a vite, come altre chiusure “tecniche”, rappresenta una soluzione interessante per i vini di pronta beva, ma anche per quelli più complessi. Una potenzialità che potrebbe essere sfruttata meglio, ma che richiederà anni per essere accettata completamente.

bottom of page