• Redazione

Il trofeo Pompeo Molmenti è stato assegnato all'azienda Le Chiusure

Il Valtènesi 2021 Le Chiusure ha trionfato sui 51 campioni in concorso.

Si è chiusa domenica 5 giugno all’insegna di un grande successo di pubblico la prima edizione di Valtènesi in Rosa, il nuovo festival di Moniga del Garda che ha raccolto l’eredità di Italia in Rosa, replicandone la formula in chiave territoriale.

Dopo due anni di sospensione a causa della pandemia, la storica manifestazione si è quindi ripresentata al pubblico in una nuova veste, continuando a celebrare la “terza via” del vino italiano in una chiave focalizzata sulle tipologie e le aziende del territorio. Una formula che ha subito riscosso grandi consensi, tornando a chiamare a raccolta winelover ed appassionati per un suggestivo weekend in rosa nella cornice vista lago del Castello di Moniga: ben 48 le aziende presenti in fiera, per un grande banco d’assaggio che ha messo a confronto tutte le sfumature e le interpretazioni del Valtènesi, partendo dal millesimo 2021 ma proponendo in altri casi anche tipologie di annate precedenti.

La manifestazione è stata coronata dalla tradizionale cerimonia di assegnazione del Trofeo Pompeo Molmenti, il riconoscimento riservato ai Chiaretti dell’ultima vendemmia (in questo caso il 2021).

Alla competizione, cui sovrintende storicamente il coordinatore del Consorzio Valtènesi Fabio Finazzi, hanno partecipato esclusivamente i 32 Valtènesi (su 51 campioni presentati) che la scorsa settimana sono stati incoronati con l’Eccellenza (punteggio pari ad almeno 85/100) al 16° Concorso Enologico Nazionale per la Doc Valtènesi-Garda Classico della Fiera del Vino di Polpenazze. La seconda selezione dei magnifici 32 ha visto trionfare il Valtènesi 2021 Le Chiusure di Portese, azienda agricola del presidente del Consorzio Valtènesi Alessandro Luzzago, emerso come vincitore da una rosa di sei finalisti in cui si sono distinte anche le cantine Turina di Moniga (Fontanamora 2021), Redaelli De Zinis di Calvagese della Riviera, Cobue e Cadore Patrizia di Pozzolengo e Divino Rosso di Soiano.