Bourgogne AOC Hautes-Côtes de Nuits La Corvée de Villy 2011, Thibault Liger-Belair

Un Pinot nero in cui il tempo non ha scalfito la trama acido-sapida

Bourgogne AOC Hautes-Côtes de Nuits La Corvée de Villy 2011, Thibault Liger-Belair

Thibault Liger-Belair è una tenuta storica della Borgogna, con sede a Nuits-Saint-Georges dal 1720. Il patrimonio di 7,5 ettari vitati comprende parcelle nei cru più pregiati della regione: Clos Vougeot, Corton, Corton Charlemagne, Charmes-Chambertin e Richebourg. 

Le vigne sono condotte secondo i principi dell'agricoltura biologica e biodinamica, tenendo in considerazione anche le caratteristiche dell’annata e dei diversi cru.  


La Corvée de Villy è un vigneto di 0,7 ettari di pinot nero, piantato nel 1998 sulle alture della Côte de Nuits, dove il clima più fresco apporta una maggiore acidità ai vini. 

La parcella è situata a un’altitudine di circa 400 metri s.l.m., su terreni composti da calcare e pietre laviche negli strati profondi e argille ferrose nel sottile strato superficie. 


L'attenzione viene subito attirata dal colore granato trasparente e luminoso, dal bordo aranciato tipico dei pinot neri invecchiati. Si apre generoso su un ventaglio aromatico terziario di cuoio, fungo, sottobosco, tabacco, polvere di cacao, accenti fumé, per poi proseguire su sentori più freschi di chinotto, mirtilli sotto spirito, violette, cardamomo. In bocca il sorso è succoso, vivace, attraversato da una sottile trama minerale. Mentre il tempo non ha scalfito l’acidità apportata dai terreni, ha levigato il tannino, di una grana ora finissima. Finale lungo, preciso, di liquirizia e sensazioni boschive.  Abbiamo pensato di abbinarlo con pollame nobile, funghi e formaggi semistagionati.

Bourgogne AOC Hautes-Côtes de Nuits La Corvée de Villy 2011, Thibault Liger-Belair

Annata

Denominazione

Vitigno

Tipologia

Località

Tenore Alcolico

13% Vol

Abbinamento

Caratteristiche

Vino smart

Capacità di Invecchiamento

Fascia prezzo

Data degustazione

settembre

2022

Note

Affina 18 mesi in botti di rovere nuove per il 30%