Carignano del Sulcis DOC, Nerominiera 2020, Enrico Esu

Un rosso che racconta una storia di famiglia, tra il nero della miniera e il sole della Sardegna.

Carignano del Sulcis DOC, Nerominiera 2020, Enrico Esu

Immaginate l’incontro di due anime, il contadino e il minatore, in un’unica persona, mio padre. Una vita trascorsa tra la luce delle vigne ed il nero della miniera, la sua passione e il suo dovere, oggi racchiuse in questa bottiglia”. Con queste parole Enrico Esu firma le sue bottiglie di Nerominiera. Carignano in purezza dal Sulcis (qui la nostra piccola guida), punta sudoccidentale della Sardegna e terra elettiva per quest’uva rossa. Per la precisione Carbonia, città fondata dal regime fascista per sfruttare, come recita il nome, i giacimenti di carbone della zona e sopperire alle autarchiche esigenze energetiche. L’attività mineraria che permea nei secoli il Sulcis diviene sempre più totalizzante.


Non fa eccezione il padre di Enrico che negli anni ’50 diventa minatore, ma nonostante il lavoro durissimo non rinuncia a dedicarsi al podere in cui era nato. Decide così di impiantare un vigneto ad alberello, più resistente al sole ed al maestrale, di carignano a piede franco sui terreni sabbiosi. Oggi il lavoro di vignaiolo è portato avanti proprio dal figlio Enrico che, recuperando la storia di famiglia e del territorio, ottiene un vino “ricco, dal colore intenso e scuro, nero, proprio come quel carbone che a poche decine di metri di profondità permea la nostra terra”.


Negli ultimi anni nelle nostre scorribande sulcitane abbiamo spesso assaggiato questo vino che ogni anno ci ha convinto sempre più. Rosso scuro, richiama quelle stesse sensazioni nei frutti al naso e al palato, unite a note fresche di arancia rossa, frutti di bosco e rimandi minerali come di grafite. In bocca ci sono una certa potenza e calore ma accompagnati da una bella finezza, tannino, una freschezza agrumata e una sapidità ematica. Insomma, la beva è assicurata, anche nelle serate estive, magari raffreddandolo leggermente e con un bell’agnello della tradizione sarda nel piatto.


Vino da provare, per chi come noi ama le bottiglie che vogliono essere una testimonianza di un magnifico territorio che unisce due slanci, quello della vite verso il sole e quello degli scavi verso il sottosuolo, e che raccontano una grande storia. “Oggi, la consapevolezza di quel passato, uno scuro e buio, la miniera, l’altro luminoso e brillante, la vigna, si fondono e identificano chi siamo: contadini e minatori”.

Carignano del Sulcis DOC, Nerominiera 2020, Enrico Esu

Cantina

Annata

Vitigno

Tipologia

Località

Tenore Alcolico

14,5% Vol

Abbinamento

Caratteristiche

Vino coraggioso

Capacità di Invecchiamento

Occasioni

Fascia prezzo

Data degustazione

agosto

2022

Note