Rossese di Dolceacqua DOC Sette Cammini 2020, Maccario Dringenberg

Dall’estremo confine ovest della Liguria, un vino rosso che bene si sposa a portate di pesce.

Rossese di Dolceacqua DOC Sette Cammini 2020, Maccario Dringenberg

Una nuova etichetta per la cantina gestita da Giovanna Maccario e Goetz Dringenberg a San Biagio della Cima, in provincia di Imperia, quasi ai confini con la Francia.

Le uve provengono da un vigneto storico del comune di Ventimiglia a circa 500 m s.l.m. alle pendici del monte Grammondo.


Il nome del vino riporta ad un periodo lontano nel quale i sentieri che attraversano queste colline venivano percorsi dai contrabbandieri per passare il confine.


Il colore rubino luminosissimo ci riporta immediatamente ai raggi del sole che si riflettono sul mare prospicente al vigneto. Il naso ci rimanda alla frutta fresca appena raccolta e ai fiori. Una tipica leggera nota speziata caratteristica del vitigno completa il panorama olfattivo. In perfetto equilibrio la bocca con la componente di acidità che si unisce alla sapidità rendendo il sorso lungo e piacevole. Il tannino è delicato e vellutato.


Un vino facilmente abbinabile a numerosi piatti anche della tradizione ligure. Pensiamo a una zuppa di pesce oppure al brandacujun, stoccafisso mantecato con patate e olio. Non escludiamo anche di poterlo gustare insieme a dei formaggi di capra.  


Rossese di Dolceacqua DOC Sette Cammini 2020, Maccario Dringenberg

Annata

Tipologia

Località

Tenore Alcolico

13,5% Vol

Abbinamento

Caratteristiche

Amore a prima vista

Capacità di Invecchiamento

Fascia prezzo

Data degustazione

novembre

2021

Note