• Redazione

Meno plastica in vigna e cantina grazie a "Vivi Plastic Free"

La svolta green dell'Emilia Romagna: un progetto che punta a ridurre del 60% l'uso della plastica.

Il vino emiliano-romagnolo sarà sempre più "green" per merito anche di "Vivi Plastic Free", il progetto presentato da Ri.nova, società specializzata nella ricerca scientifica in ambito agroalimentare di Cesena, in collaborazione con l'Università di Modena, Cantine Riunite&Civ, Caviro, Terre Cevico, oltre a diverse aziende agricole nel territorio regionale, Irecoop, Sabiomaterials e l'Associazione il Ventaglio di Orav.

Un progetto ambizioso che punta a ridurre la presenza di plastica nel vigneto e in cantina fino al 60%, sostituendola con nuovi materiali ricavati dagli scarti della produzione vitivinicola.

"Nella filiera vitivinicola la plastica convenzionale viene utilizzata principalmente per la produzione di tappi per la chiusura di vini e per la realizzazione di legacci da utilizzare sulle viti in fase di allevamento, potatura e nel caso di innesti - spiega Giovanni Nigro, responsabile di progetto per Ri.Nova -: col progetto "Vivi Plastic Free" vogliamo più che dimezzare l'utilizzo di questo materiale, sostituendolo con un biofiller, un nuovo prodotto sostenibile da un punto di vista ambientale ed economico, creato dagli scarti della produzione vitivinicola e che può essere trasformato attraverso un processo replicabile su scala industriale".

Nuova vita per prodotti di scarto, quindi, nel solco dei principi dell'economia circolare: "La sostenibilità ambientale ed economica oggi è cruciale per qualunque settore produttivo e la filiera vitivinicola non fa eccezione - spiega Nigro -: il comparto sta affrontando l'aumento dei costi delle materie plastiche che ha colpito tutti i settori e, fino a oggi, è stato costretto a gestire i notevoli costi di smaltimento degli scarti di produzione. Grazie a "Vivi Plastic Free" le aziende potranno recuperare sottoprodotti di campo e di cantina per valorizzarli economicamente e, nel contempo, utilizzare materiali ecocompatibili, biodegradabili e/o compostabili, con un impatto positivo sull'ambiente e sul pianeta".

I tempi di realizzazione possono essere molto brevi grazie all'applicazione di tecniche e metodologie innovative già mature dal punto di vista scientifico.