top of page
  • Redazione

Progetto Gocce di Rosa: il Natale solidale di Cantina Tollo

Il gruppo abruzzese devolverà parte dei ricavati delle vendite del panettone pandorato al Cerasuolo d’Abruzzo Dop a Nove Onlus per progetti di inclusione sociale in Italia delle donne afghane.

Panettone Gocce di rosa al Cerasuolo d'Abruzzo - Tollo Nove Onlus

Un nuovo progetto solidale di Cantina Tollo a sostegno delle donne afghane rifugiate in Italia dopo la presa di Kabul: è Gocce di Rosa, il panettone pandorato al Cerasuolo

d’Abruzzo Dop ideato dal gruppo teatino assieme a Nove Onlus, organizzazione non profit di Roma che dal 2012 si occupa di fronteggiare situazioni di emergenza umanitaria.


Parte del ricavato delle vendite del panettone Gocce di Rosa andrà infatti a sostegno dei progetti di Nove Onlus in Italia dedicati alle donne afghane fuggite dalla loro terra d’origine. Creazione di una rete di assistenza per fornire alloggio, formazione e quanto necessario a inserire nel contesto sociale italiano i rifugiati portati in salvo attraverso l’evacuazione di emergenza da Kabul.


La sostenibilità sociale è una delle pietre miliari dell’operato di Cantina Tollo – dichiara il

Presidente Tonino Verna – strettamente connesso al nostro carattere di realtà cooperativa. Un aspetto, questo, che si declina in iniziative di valore volte a tutelare i diritti primari di ogni

individuo. In questo percorso abbiamo scelto Nove Onlus perché da tempo porta avanti progetti di sviluppo e assistenza umanitaria con trasparenza e professionalità, costituendo un ponte tra Italia e Afghanistan”.


Il percorso di integrazione sociale delle donne afghane – continua Flavia Mariani

consulente per la Comunicazione, PR & Media Relations di Nove Onlus – sarà duraturo e

delicato e necessita di grande aiuto nel lungo termine. Siamo profondamente grati a Cantina

Tollo per il sostegno solidale che ci ha dedicato con Gocce di Rosa, un progetto che restituisce

centralità non solo all’Emergenza Afghanistan ma anche alla vulnerabilità del mondo

femminile”.

bottom of page