• Redazione

I distretti agroalimentari aumentano le esportazioni del 20% rispetto al 2020

La Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo analizza i trend dell'esportazioni dell'agroalimentare.

Le esportazioni dei distretti agro-alimentari italiani procedono ad un ritmo di crescita sostenuto e sfiorano i 5,6 miliardi di euro nel secondo trimestre del 2021, con una crescita tendenziale del 20,9% rispetto al secondo trimestre del 2020 (+20,4% rispetto al secondo trimestre del 2019).

E' quanto emerge dal monitor sui distretti agro-alimentari realizzato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo. Al traino della crescita globale, nei primi sei mesi dell'anno le esportazioni dei distretti agro-alimentari superano il traguardo dei 10,8 miliardi, realizzando il miglior risultato semestrale di sempre (+10,9% tendenziale, +14,9% rispetto al periodo gennaio-giugno del 2019).

La filiera dei distretti del vino, prima per valori esportati, dopo un 2020 chiuso in lieve regresso (-2,1%) registra una notevole accelerazione nel primo semestre del 2021 con un +15,5% rispetto al primo semestre del 2020 (+10,8% rispetto allo stesso periodo del 2019).

Prosegue sul sentiero di crescita del 2020 la filiera della pasta e dolci che, con quasi 1,6 miliardi di esportazioni nel primo semestre del 2021, segna un progresso del 3,1% rispetto allo stesso periodo del 2020 (+19,7% rispetto ai primi sei mesi del 2019).