• Nicoletta Marconi

Barone di Villagrande Wine Resort, la grande ospitalità siciliana alle pendici dell'Etna.

Un'antica cantina tra natura, storia e contemporaneità ai piedi del Vulcano.

Barone di Villagrande è una delle cantine storiche dell'area ma non è solo vigna. La strada si inerpica sulle pendici dell'Etna tra boschi e curve, poi, d'un tratto, un'antica dimora di campagna accoglie i viandanti; varcato l'arco di ingresso, tra gli alberi, si apre la vista sulle terrazze vitate: questa è l'accoglienza al Villagrande Wine Resort, giusto mix tra natura, storia e contemporaneità.


In un'antica proprietà del '700, ristrutturata con gusto, trovano posto le antiche cantine, cinque stanze, un ristorante e una magnifica piscina di pietra lavica cui si accede da un giardino dal sapore antico.


Al Villagrande Wine Resort tutto sa di casa: dai mobili barocchi, all'accoglienza solare, fino alle marmellate genuine della colazione.


La struttura è immersa tra i vigneti più antichi dell'Etna, a 700 mt sul livello del mare. La storia della famiglia è lunga quanto le radici di queste storiche vigne, legata strettamente alla contrada di Villagrande dove coltiva la terra fin dal XVII secolo. Le cantine conservano la memoria enologica di questa campagna.


La giornata al Resort comincia con una ricca colazione sotto agli alberi, con la fresca aria Etnea che si riscalda piano piano con l'alzarsi del sole: è il microclima del Vulcano, con le sue forti escursioni termiche diurne, l'ingrediente prezioso che arricchisce i vini dell’Etna.

Per i più sportivi non può mancare un trekking sulla “Muntagna”, mentre per chi vuole godere del mare Siciliano la vicina costa offre la possibilità di un giro in barca e Taormina, poco lontana, le occasioni di shopping.


Imperdibile dopo una giornata di sole un tuffo nella bellissima infinity pool che si affaccia sui vigneti tutti intorno, scura come la lava del vulcano e che si colora al tramonto di arancio, rosa, blu.


Infine non può mancare una degustazione di vini e, per i più appassionati, la possibilità di corsi di cucina.


Alla sera si accendono le mille lucine sugli alberi del cortile e si possono gustare le creazioni del giovane chef Vittorio Caruso, audace sperimentatore con uno sguardo sempre alla tradizione. Regola imprescindibile è il km zero: le verdure e le erbe dell’orto biologico, l'olio Extravergine di Nocellara dell'Etna, i formaggi e le carni dagli allevamenti sul vulcano, il miele di castagno dai boschi circostanti.


E poi le camere vi accoglieranno con i loro dettagli: il pavimento storico in cotto originale, le viste sul giardino verdissimo e tutti i comfort di un’attenta ristrutturazione.

Al Villagrande Wine Resort abbiamo trovato ciò che cercavamo: un rifugio accogliente dove sentirsi in famiglia e il punto da cui partire per esplorare questo speciale angolo di Sicilia.