top of page
  • Immagine del redattoreRedazione

Buon compleanno, Vigneto Calvarino

La storica etichetta aziendale di Pieropan compie mezzo secolo; è stato il primo “cru” bianco italiano.

Luigi Veronelli, uno dei più grandi critici del vino italiano, ha definito Vigneto Calvarino “un abito blu per un uomo”.

Ed è proprio con Luigi Veronelli che Leonildo Pieropan nel 1971 decide di etichettare il vino proveniente dall’antico fondo di famiglia, di proprietà dal 1901, con una semplice parola: vigneto.

Negli anni Settanta erano pochissime le zone d’Italia che etichettavano i vini con i nomi degli appezzamenti, dando all’epoca maggior spazio a denominazioni o brand aziendali. Leonildo Pieropan, nelle sue due vigne, decide invece di dare spazio al luogo geografico, al genius loci, che nel suo caso è riuscito a trasmutare in un’interpretazione del terroir, questo complesso rapporto tra vitigno, ambiente pedoclimatico e lavoro umano che è ciò che fa del vino espressione culturale e autentica di un territorio.

Vigneto Calvarino prende il suo nome dalla parola “piccolo Calvario”, in quanto difficile da lavorare a causa delle pendenze importanti e della roccia basaltica, scura, che ne compone il suolo. Un’espressione di Garganega e Trebbiano di Soave verticale, sapida, che ancora oggi parla di equilibrio, ma soprattutto di longevità.

Grazie a questo vino, Leonildo e Teresita Pieropan riescono a far capire le potenzialità di questo territorio, iniziando a farlo conoscere al mondo e facendo da apripista alla valorizzazione delle singole parcelle, ognuna intesa come un’espressione unica e identitaria. Negli anni Calvarino non cede alle mode e rimane rigoroso a un suo stile che con il tempo diverrà distintivo. Leonildo ne comprende il potenziale evolutivo e sceglie un lungo affinamento, più di un anno a contatto con le fecce fini.

Ad oggi vigneto Calvarino è composto da 8 ettari e se ne producono circa 70.000 bottiglie. «Questo per noi è un anniversario molto importante – spiega Andrea Pieropan che con il fratello Dario rappresenta la quarta generazione – Vigneto Calvarino ha segnato una svolta nel panorama del vino bianco italiano, perché con esso si è capita l’importanza dell’interpretazione di un terroir. Papà ha saputo e voluto armonizzare il rapporto uomo, territorio e vitigno in un vino unico ed esemplare, ponendo una pietra miliare per l’enologia italiana

«Vigneto Calvarino è per noi il vino di famiglia – continua Dario Pieropane continuiamo a seguire quanto mio papà ci ha insegnato. L’uso sapiente del cemento e il lungo affinamento hanno reso questo vino, nato cinquant’anni fa, ancora straordinariamente moderno e vitale.»

La famiglia ha deciso di celebrare questo straordinario traguardo di mezzo secolo con eventi in Italia e in altri paesi del mondo, dal Giappone agli Stati Uniti, dalla Gran Bretagna all’Australia, con degustazioni verticali. Un viaggio lungo 50 anni per il primo “cru” bianco italiano.

Comments


bottom of page