• Nicoletta Marconi

Dal cuore lombardo del pinot nero il Prime Alture Winery e Resort

Un’atmosfera raffinata tra le colline dell’Oltrepò Pavese

Tutto nasce dall’amore per il pinot nero: è questa passione che porta Roberto Lechiancole, imprenditore di successo, a cambiare vita e acquistare 10 ettari e una cascina abbandonata nell’Oltrepò Pavese, terza area al mondo per estensione di questa varietà.


Dà così il via al progetto Prime Alture: cantina, camere e cucina, un piccolo e raffinato Wine Resort dove vivere e godere del vino a 360°.


La produzione della cantina, che si trova nel piano interrato della struttura proprio sotto al ristorante, ha visto la prima vendemmia nel 2007. Si producono i vitigni classici della zona per circa 50.000 bottiglie l’anno. Le vigne di pinot nero, barbera, bonarda, croatina, merlot e chardonnay circondano il resort, e sono proprio i vigneti ad accogliere l’ospite che arriva risalendo la collina, contrassegnati sul primo filare dal nome del vino cui danno vita.


Il resort nasce qualche anno dopo l’avvio della cantina, nel 2013, dopo un attento lavoro di recupero della cascina che oggi si presenta come un’elegante e accogliente country house dove nulla è lasciato al caso. Roberto e Anna sono ospiti calorosi, che sanno raccontare con passione la propria storia e accogliere ogni visitatore come un amico.



6 sono le camere che prendono il nome dai vitigni coltivati nella tenuta, tutte ristrutturate, spaziose e dotate di ogni comfort anche per chi volesse soggiornare qualche notte in più del semplice weekend concedendosi del tempo per esplorare la zona.


Il ristorante è coordinato da giovani chef che cambiano il menu quasi settimanalmente, adattandosi alla stagione e al loro estro, offrendo un’esperienza sempre nuova anche ai clienti abituali: la sala ristorante è un bellissimo spazio ricavato nell’ex fienile con travi a vista e grandissime vetrate che offrono una vista a 360° sui vigneti.


Non manca una piscina con vista mozzafiato sulle colline vitate, un’area barbecue per le cene nella bella stagione da consumare tra i filari sotto le luci che illuminano le viti e un’ampia terrazza dove gustare un calice di vino circondati dalle erbe aromatiche e dove godersi le serate con musica dal vivo che a Prime Alture si organizzano nei mesi più caldi.