top of page
  • Immagine del redattoreRedazione

DOC Delle Venezie diventa partner di Wine in Moderation

La denominazione entra a far parte del programma europeo di responsabilità sociale che sostiene un consumo di vino responsabile e moderato.

Il Consorzio di tutela DOC Delle Venezie annuncia la partnership con Wine in Moderation (WiM). La Denominazione, che riunisce gli operatori della filiera produttiva del Pinot Grigio di Friuli-Venezia Giulia, Trentino e Veneto, lavorerà con WiM, il programma europeo che opera in favore della responsabilità sociale per promuovere il consumo responsabile e moderato del vino.

Il programma di Wine in Moderation è creato a partire da evidenze scientifiche elaborate dal Wine Information Council, si basa sull'educazione e sull'autoregolamentazione e si pone l’obiettivo di promuovere una cultura sostenibile del vino, la cui ambizione è trasmettere il rispetto per il vino come prodotto e come parte di uno stile di vita equilibrato.

Un passo importante per il Consorzio di tutela DOC Delle Venezie che conferma quindi il proprio impegno e la propria posizione rispetto a tematiche legate alla salute e al benessere dei consumatori. “Siamo orgogliosi di entrare nella squadra di Wine in Moderation ed iniziare quindi un percorso sinergico a sostegno della responsabilità sociale e di uno stile di vita sano – ha detto Albino Armani, Presidente del Consorzio di tutela Delle Venezie – crediamo che solo mediante iniziative e campagne educative ed informative sia possibile contrastare gli abusi e apprezzare il vino nell’ambito della convivialità e di un’alimentazione sana ed equilibrata”.

Il Consorzio sarà in prima linea per promuovere iniziative in coerenza con il programma europeo, volte a diffondere un messaggio di moderazione ed una corretta informazione ai consumatori – ha dichiarato Stefano Sequino, Direttore del Consorzio – il nostro obiettivo è appoggiare e comunicare la cultura sostenibile del vino accanto a Wine in Moderation che è riferimento internazionale in materia di responsabilità sociale nell’ambito del nostro settore”.

Commentaires


bottom of page