top of page
  • Immagine del redattoreRedazione

Hic et Nunc entra nella classifica Great Place to Work Italia

L’investimento sulle risorse umane è la principale leva di sostenibilità sociale

L’avanguardistica azienda vitivinicola di Vignale Monferrato conferma, per il secondo anno consecutivo, il riconoscimento di azienda Great Place To Work® Certified. La certificazione viene conferita dall’omonima organizzazione internazionale che dal 1991 premia le realtà più attente alla cultura dell’ambiente di lavoro e alla gestione del personale in seguito a indagini sulla soddisfazione dei dipendenti.

Quest’anno Hic et Nunc raggiunge una nuova milestone ottenendo il 5° posto nella classifica dedicata alle aziende sotto i 50 dipendenti. Un risultato che rappresenta un primato per il comparto vitivinicolo italiano e che contribuisce all’ottimo posizionamento ottenuto dalle realtà nazionali (che da sole compongo oltre metà delle aziende che fanno parte della graduatoria generale).

Equità, orgoglio e coesione sono stati gli elementi di soddisfazione che hanno contraddistinto Hic et Nunc. Una cantina con un nuovo sguardo sul Basso Monferrato che ha fatto della valorizzazione del personale e dei processi di Human Resources due dei pilastri fondanti della sua conduzione.

Dal 2012 la famiglia Rosolen ha avviato un ambizioso progetto di valorizzazione del patrimonio vitivinicolo del Basso Monferrato e delle sue varietà autoctone attraverso la progettazione di una cantina visionaria e trasparente e di un wine resort che invita a scoprire il fascino del territorio. Una struttura pensata per armonizzarsi e portare valore al territorio attraverso una produzione vinicola che esprimesse la grande vocazione di questa area del Piemonte, patrimonio Unesco. Risultato di questa mission è un lavoro costante diretto alla sostenibilità, non solo ambientale, attraverso il processo di conversione biologica che si concluderà nel 2023, ma anche etica e sociale, un aspetto cruciale per il futuro dell’agricoltura. Un aspetto che l’azienda implementa attraverso pratiche di welfare aziendale, corsi di formazione, momenti di condivisione che coinvolgono l’organico nel suo insieme, valutazioni attraverso il metodo Insights delle attitudini e degli ambiti di crescita dei dipendenti.

Il Monferrato ci ha accolti e ci ha permesso di crescere sia come imprenditori che come persone, includendoci in una comunità agricola e sociale che ama profondamente il suo territorio e che con noi si impegna nella sua evoluzione e sviluppo. Credo fermamente che la cura, il richiamo e la formazione di talenti sia fondamentale per la crescita di un’azienda e di un territorio – dichiara Massimo Rosolen, proprietario di Hic et Nunc – Il bagaglio di esperienze acquisite nel campo delle HR con l’agenzia per il lavoro AxL di cui sono titolare, mi ha sempre portato ad avere una visione priva di preconcetti sul vino e aperta a progettare Hic et Nunc come un luogo in cui le persone possano partecipare attivamente al successo del marchio e dei suoi prodotti”.

“Fin dai primi passi, Hic et Nunc ha scelto di investire su un team di dipendenti eterogeneo e ricco di professionalità complementari - dichiara Valentina Pascarella, CEO di Hic et Nunc - Oggi siamo in 18. Alcuni membri rappresentano le radici: sono la storia di Ca’ Milano, della Regione Mongetto e dell’esperienza monferrina: la solida base che sostiene l’azienda e i suoi progetti. Altri provengono da diverse regioni d’Italia e Paesi e costituiscono l’anima innovativa dell’azienda, grazie alla loro capacità di avere uno sguardo nuovo e non convenzionale. Una comunicazione armonica tra i diversi gruppi di lavoro, formazione a tutti i livelli, attenzione alle pratiche di sicurezza sul lavoro, restituzione e impegno a creare una rete di collaborazioni con le altre attività commerciali e ricettive del Basso Monferrato sono alcuni degli elementi che ci hanno permesso di sviluppare un gruppo di lavoro in cui coesione, senso d’orgoglio ed equità sono elementi distintivi e propulsori”.

Comments


bottom of page