top of page
  • Immagine del redattoreRedazione

Il Vino del Villaggio

Un marchio, uno stile di vita e un asse culturale per valorizzare vino e territorio.

Si chiama Il Vino del Villaggio, il nuovo progetto di Donato Lanati nato con lo scopo di valorizzare il patrimonio enoico del Gran Monferrato e dell'Alto Piemonte. Ma non solo enoico anche culturale, storica e, soprattutto, nella sua distintività.

“Il vino diventa così meta di un percorso, di un’avventura in cui ogni passaggio è di qualità sostenibile e che ha cura di ogni dettaglio – dice Lanati  tanto da poter essere portato all’estero”.

Un vino per ogni Comune di grande qualità, garantita da degustazioni e analisi che sono state effettuate dalla studio Enosis e da Paolo Massobrio e Donato Lanati.

Fra i criteri di questa prima selezione, sono state scelte le cantine che offrono un’esperienza di enoturismo.

Questo è un territorio in fermento col cuore che batte desideroso di fare un passo in più” ha continuato Lanati, ricordando riconoscimenti/eventi come Casale capitale del vino, Alto Piemonte e Gran Monferrato Capitale Europea del Vino 2024, Golosaria, 100 anni di Martinotti.

“Da qui, l’idea di un Marchio per dare ulteriore valore al grande patrimonio e alla distintività di queste terre. La domanda dei rossi è un po’ in crisi, mentre quella dei bianchi e dei rosati cresce. In questo scenario, i vini del Monferrato, essendo morbidi e anche più femminili, ne sono avvantaggiati, ma non basta. Occorre investire sui giovani offrendo loro un valore esperienziale, di cultura, di informazione e di comunicazione. Occorre fare in modo che il vino esprima nuovi interessi e tanta curiosità, quindi, bisogna agire con lungimiranza facendo squadra. Per questo, ho pensato al Vino del Villaggio: un marchio, uno stile di vita e un asse culturale che parta da Morbelli e arrivi al Pelizza da Volpedo, attraverso Carrà e qualche monastero benedettino. Un percorso di sostenibilità ambientale e sociale immerso nella natura”.

Comments


bottom of page