top of page
  • Immagine del redattoreRedazione

La terza edizione di L'Altra Toscana

18 Denominazioni porteranno in degustazione le nuove annate raccontando un volto diverso della Toscana enologica.

L’Altra Toscana del vino ancora unita nel presentare le nuove annate a giornalisti e operatori del settore. (vedi le altre manifestazioni del vino in programma)

Nella giornata del 19 febbraio si terrà – a Palazzo degli Affari a Firenze – la degustazione dei vini delle DOP e IGP: Maremma Toscana, Montecucco e Montecucco Sangiovese, Orcia, Cortona, Valdarno di Sopra, Terre di Pisa, Chianti Rufina, Terre di Casole, Grance Senesi, Montescudaio, Suvereto, Val di Cornia e Rosso della Val di Cornia, Carmignano, Barco Reale di Carmignano e Vin Santo di Carmignano e Toscana.

L’evento è promosso dall’Associazione L’Altra Toscana che raggruppa quattordici Consorzi per un totale di imbottigliato che corrisponde al 40% dell’intera produzione toscana.

Protagonisti della giornata del 19 saranno tutti questi territori più “nascosti”, dove la vite si coltiva da secoli e dove, accanto agli storici produttori locali, nomi blasonati dell’enologia italiana portano nei calici qualità e identità, incuriosendo sempre più gli appassionati ed il mercato. Nelle prime edizioni sono state degustate oltre 300 etichette e anche per quest’anno saranno proposti percorsi tematici – con diversi focus – per facilitare l’assaggio.

 “Con la strategia dell’unione – che si è rivelata vincente nelle passate edizioni di questa Anteprima - vogliamo far emergere - in tutto il loro valore - le innumerevoli diversità che ci caratterizzano” - spiega Francesco Mazzei alla guida della Associazione L'Altra Toscana e presidente del Consorzio Tutela Vini della Maremma Toscana – “L’obiettivo è proprio quello di promuovere territori e vini contraddistinti da punte di qualità sempre più alte che vanno ad arricchire l’offerta vinicola di una delle regioni enologiche più affermate, che ha molto ancora da svelare.”

 

Comments


bottom of page