• Redazione

La vendemmia inclusiva di Cecchetto

I ragazzi dell’associazione AIPD saranno ospiti dell’azienda trevigiana. Le bottiglie prodotte verranno presentate al prossimo Vinitaly

Si rinnova, sabato prossimo 15 ottobre, il tradizionale appuntamento con la Vendemmia del Raboso Piave assieme ai ragazzi dell’Associazione Italiana Persone Down (AIPD) – sez. Marca Trevigiana.

Giunta alla diciottesima edizione, l’iniziativa si terrà nell’azienda vitivinicola Cecchetto di Tezze di Piave (Treviso) e vedrà i giovani – aiutati dalle famiglie, da amici e volontari – trasformarsi in vignaioli ed enologi. Vendemmieranno i primi grappoli di Raboso, li pigeranno ed estrarranno il mosto utilizzando un antico torchio. Torneranno poi in primavera per imbottigliare il vino e personalizzare le circa 1000 bottiglie prodotte con un’etichetta disegnata a mano e firmata dallo stesso ragazzo che l’ha creata. Le bottiglie numerate saranno presentate alla prossima edizione del Vinitaly, nello stand della Regione Veneto.

La vendemmia del Raboso diventa maggiorenne – sottolinea Giorgio CecchettoPer noi è una grande soddisfazione vedere che questa iniziativa è cresciuta di anno in anno, diventando ormai un appuntamento imprescindibile e importante per molte persone e famiglie che ogni autunno tornano a dare aiuto e sostegno all’iniziativa. Un progetto di vera inclusione dove i ragazzi dell’associazione sono i protagonisti in tutte le fasi, dalla raccolta dell’uva, all’imbottigliamento, alla realizzazione dell’etichetta, fino alla presentazione conclusiva che si svolgerà in una sede istituzionale e di grande prestigio”.

Un momento d’incontro per la comunità nato per esaltare l’unicità del Raboso Piave, il solo vitigno autoctono a bacca rossa della Marca Trevigiana. La varietà, oltre a rappresentare il territorio e la sua storia, sa essere solidale contribuendo a progetti a supporto della collettività, con l’obiettivo di rafforzare il valore che può nascere dalla sincera volontà di fare impresa in maniera condivisa e inclusiva.

La vendemmia si inserisce nel Progetto di autonomia sociale di AIPD che da diversi anni collabora con Cecchetto.