top of page
  • Immagine del redattoreRedazione

Lambrusco a Palazzo

Due giornate di assaggi e degustazioni guidate tra archi e chiostri appena ristrutturati, per riscoprire il celebre vino rosso frizzante.

Riscoprire, rinnovare, ristrutturare: tre significati diversi, ma in fondo legati tra loro, racchiusi nella nona edizione di Lambrusco a Palazzo, dedicata a tutte le espressioni di questo vitigno antico e al tempo stesso contemporaneo. Un vino che, in questa nona edizione, sarà rappresentato da oltre 50 cantine e che sarà presente in 150 sfumature diverse.

In occasione della nona edizione, l’evento quest’anno si rinnova proponendo la prima Selezione Enologica dei vini Lambrusco, in data 11 e 12 maggio. Durante la manifestazione si potranno degustare vini frizzanti (DOC e IGT) e vini spumanti DOC (Metodo Classico o Charmat) prodotti da vitigno Lambrusco. Nella giornata di domenica avverrà la premiazione della Selezione Enologica.

L’evento, organizzato da ONAV Mantova e La Strada dei Vini e Sapori Mantovani, con il patrocinio e la collaborazione del Comune di San Benedetto Po, ospiterà un grande banco d’assaggio a cui si affiancheranno la masterclass ‘Il Metodo Classico’ e la masterclass ‘I vitigni autoctoni della Via Emilia’.

Saranno due giornate all’insegna di un vino dal carattere energico e brioso, che nonostante le sue antichissime origini, rimane poliedrico, accogliente e conviviale. Il Lambrusco, color rubino, spuma violacea e leggermente frizzante, si rinnova e si ristruttura pur rimanendo sempre autentico, muovendosi nel tempo e nello spazio, tra gli ancestrali vitigni di Modena, Mantova, Parma e Reggio Emilia, ma sempre nel rispetto della sua lunga tradizione e del suo ambiente.

Comments


bottom of page