top of page
  • Immagine del redattoreRedazione

Masciarelli alla 80a Mostra Internazionale d'arte cinematografica di Venezia

Due rossi dell’azienda abruzzese faranno da cornice agli eventi speciali ospitati negli spazi all’interno dell’Hotel Excelsior al Lido

L’azienda vitivinicola abruzzese sarà partner ufficiale della Fondazione Ente dello Spettacolo, realtà che dal 1947 promuove la cultura cinematografica in Italia, su mandato della Conferenza Episcopale Italiana, e cura la Rivista del Cinematografo, la più antica pubblicazione italiana del settore.

Dal 30 agosto al 9 settembre i vini della cantina saranno protagonisti degli aperitivi e degli eventi che si svolgeranno tra lo Spazio Cinematografo di Ente dello Spettacolo e la meravigliosa Terrazza Cinematografo by Atlas Concorde, all’interno dello storico Hotel Excelsior Venice Lido Resort.

Saranno nello specifico il Montepulciano d’Abruzzo DOC Riserva della linea “Iskra” e il Rosso Terre di Chieti IGT della linea “Castello di Semivicoli” ad accompagnare le iniziative speciali e gli esclusivi private party che animeranno gli spazi di Fondazione Ente dello Spettacolo dove, per tutta la durata del festival, dalla mattina fino a tarda notte, si alterneranno eventi, presentazioni e interviste a cura di istituzioni, organizzazioni culturali, produzioni indipendenti e imprese che operano nel mondo del cinema.

Siamo molto felici di poter collaborare con la Fondazione Ente dello Spettacolo alla Mostra del Cinema di Venezia”, dichiara Miriam Lee Masciarelli, Brand Manager di Masciarelli Tenute Agricole. “L’arte, in tutte le sue forme, è un elemento fondante di casa Masciarelli. Perciò ci riempie di orgoglio il fatto che i nostri vini possano essere presenti a un’iniziativa culturale così importante, contribuendo a far conoscere e a dare lustro alla nostra terra, con la sua straordinaria ricchezza in biodiversità e terroir, e al suo patrimonio enologico”.

La scelta di offrire agli ospiti il Montepulciano “Iskra” non è casuale. Il nome di questo vino, infatti, deriva dalla lingua slava, in omaggio al territorio d’origine della signora Cvetic, e significa “scintilla”, proprio come le innumerevoli stelle del cinema che brilleranno a Venezia durante i giorni della mostra. Il legame con la settima arte si conferma anche nell’etichetta, dove l’astro luminoso campeggia a fianco di una romantica illustrazione in bianco e nero che ci riporta indietro nel tempo, all’epoca dei film espressionisti degli anni ‘20.

Comentarios


bottom of page