top of page
  • Immagine del redattoreRedazione

Torna a Milano Simply the Best!

Le etichette più premiate d'Italia in degustazione il 28 marzo

Martedì 28 marzo torna a Milano il wine tasting di Civiltà del bere dedicato alle Cantine più premiate dalla critica e ai vincitori della medaglia d’oro WOW! The Italian Wine Competition 2022. In tre parole: Simply the best!

Le etichette più celebri d’Italia a portata di calice. Simply the best raduna i vertici dell’enologia nazionale in un evento aperto a professionisti e appassionati del buon bere.

L’appuntamento è a Milano martedì 28 marzo, nei chiostri del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci (ingresso da via S. Vittore 21). Dalle ore 15 alle 17 l’evento è riservato a stampa, professionisti e abbonati a Civiltà del bere, dalle 17 alle 20.30 è aperto anche al pubblico degli appassionati (chiusura ingressi ore 20).

Il criterio di selezione

Per essere ammesse a questa degustazione, che punta ai vertici dell’enologia italiana, le Cantine devono soddisfare un requisito molto esclusivo: aver ricevuto almeno una medaglia d’oro all’edizione 2022 di WOW! The Italian Wine Competition, oppure un’eccellenza (il massimo punteggio) da almeno 3 tra le 6 principali Guide enologiche italiane 2023. La classifica nazionale delle Cantine è consultabile nel Top delle guide vini 2023 di Civiltà del bere. Un confronto ragionato fra i massimi punteggi delle principali Guide di settore (AIS Vitae, Bibenda, DoctorWine, Gambero Rosso, Slow Wine e Veronelli).

Le 118 aziende protagoniste

In ordine alfabetico: Argiolas, Artimino, Barone Pizzini, Bentu Luna, Castello di Cigognola, Fratelli Berlucchi, Guido Berlucchi, Bertani, Bortolomiol, Ca’ du Ferrà, Camigliano, Canella, Capezzana, La Cappuccina, I Carpini, Castello di Bolgheri, Castello di Meleto, Castello di Montecavallo, Castello di Querceto, Castello La Leccia, Cavit, Cleto Chiarli, Michele Chiarlo, Colmello di Grotta, Colosi, Cossignani L.E. Tempo, Cusumano, Daidone, De Gaeta, Dievole, Casa Divina Provvidenza, Donnachiara, Donnafugata, Duca di Salaparuta, Eleva, Masseria Falvo, Livio Felluga, Fertuna, Feudi di San Gregorio, Feudo Antico, Gianfranco Fino, Ambrogio e Giovanni Folonari, Andrea Forti, Marchesi Frescobaldi, Gianni Gagliardo, Nino Negri, Rapitalà, Santi, Vigneti La Selvanella, Isole e Olena, Cantina Kaltern, Kettmeir – Lamole di Lamole – Cantina Mesa, Tenute del Leone Alato, Les Crêtes, Lis Neris, Livon, Lunae Bosoni, Lungarotti, Le Manzane, Masciarelli, Masi Agricola, Tenuta Mazzolino, Mecori, Mezzacorona, Montalbera, Monte Zovo, Montecappone, Monteverro, Fattoria Nicolucci, Ornellaia, Paolo Leo, Pasqua, Pescaja, Piccini 1882 – Agricoltori del Chianti Geografico, Piccini 1882 – Torre Mora, Pio Cesare, Il Poggiarello, Polvanera, Possa, Prunotto, PuntoZero, Il Quercetto, La Quercia, La Raia – Tenuta Cucco, Resistenti di Nicola Biasi, Ricasoli, Rocca delle Macìe, Cantine Romagnoli, Rottensteiner, Ruffino, Tenuta San Guido, San Leonardo, San Marzano, Tenuta Sant’Antonio, Tenuta Santa Caterina, Cantina Santadi, Casa Sartori 1898, La Sbercia, Tenuta Sette Ponti, Siddura, Suavia, Tedeschi, Tenuta di Arceno, Tenuta di Tavignano, Tommasi, Cantina di Tortona, Tramin, Uma Casanatura, Umani Ronchi, Velenosi, Venica & Venica, Venturini Baldini, Villa Bogdano 1880, Vinchio Vaglio, Vini Mura, Conte Vistarino, Vite Colte, Zenato.

Comments


bottom of page