top of page
  • Immagine del redattoreRedazione

Torna Nebbiolo nel Cuore

Il 13 e 14 gennaio la Decima edizione dell’evento di valorizzazione del vitigno Nebbiolo.


Il nome stesso dell'evento sottolinea la sua forte connessione con l’identità di questo nobile vitigno e ne esprime la profonda passione nei confronti delle diverse declinazioni del Nebbiolo.

Nebbiolo nel Cuore è un’iniziativa che consente al visitatore non solo di degustare il Nebbiolo espresso nelle sue molteplici e affascinanti tipologie, ma rappresenta anche un impegno culturale nella promozione di questo straordinario vitigno e delle sue terre di elezione.

Nebbiolo Nel Cuore ritorna a Roma per l'edizione del decennale. Dieci anni di valorizzazione del Nebbiolo attraverso i suoi prestigiosi territori di elezione. Attraverso banchi di assaggio e masterclass dedicate, ancora una volta potremo scoprire il potenziale delle nuove annate che verranno presentate e nuove cantine che parteciperanno all'evento per la prima volta." - dichiara Marco Cum, titolare di Riserva Grande, ideatore e patron di Nebbiolo nel Cuore, - "Come sempre la didattica sarà prevalente, con masterclass straordinarie volte a raccontare la ricchezza assoluta di queste terre. Cultura, volti, sorrisi, tradizioni, esperienze di vita, racconti, emozioni... questo è Nebbiolo Nel Cuore".

Il territorio italiano del vino è un tesoro di varietà, ciascuna legata ai suoi caratteristici terroir, a maggior ragione quando si tratta di Nebbiolo. Attraverso questo evento, si intende sottolineare l'importanza di valorizzare e preservare la diversità del patrimonio vinicolo di quest’uva straordinaria, che tutto il mondo ci invidia.

Le masterclass e i banchi di assaggio saranno il cuore pulsante di questa valorizzazione, realizzati per approfondire ed apprezzare le differenti sfumature territoriali del Nebbiolo.

Nebbiolo nel Cuore regalerà ai visitatori l’opportunità di realizzare un viaggio attraverso le terre in cui il nobile vitigno si esprime in tutte le sue differenti ed affascinanti sfumature: da Roero a Barbaresco e Barolo; da Gattinara e Ghemme a Boca e Lessona; da Bramaterra e Fara a Sizzano, alle Valli Ossolane; dalle Colline Novaresi alle Coste della Sesia; dalla Valle D’Aosta alla Valtellina, fino a Monferrato, Carema e Canavese; ed alle altre micro realtà che in cui è valorizzato nel nostro territorio, inclusa la piccola ma suggestiva produzione della Sardegna.

Comentários


bottom of page