• Giovanni Tronchin

La leggenda dell’EST! EST!! EST!!! di Montefiascone


In provincia di Viterbo, nell’alto Lazio vicino al Lago di Bolsena, c’è una zona geografica in cui si produce l' Est! Est!! Est!!! di Montefiascone DOC, un ottimo vino bianco a base di Trebbiano e Malvasia.

Ciò che colpisce, al di là delle caratteristiche organolettiche del vino, è sicuramente il suo nome, Est! Est!! Est!!!, con la progressione dei sei punti esclamativi.

La storia di questo nome si confonde con la leggenda ed è un classico caso di mescolanza di sacro e profano. Risale agli inizi del 1100, in pieno Medioevo, ed è legata al viaggio che Enrico V intraprese dalla Germania fino a Roma, per farsi incoronare imperatore dal papa. Lo accompagnò il vescovo Johannes Defuk, esperto di vini e gran bevitore, che aveva anticipatamente richiesto che gli fossero segnalate lungo la strada le osterie dove ci fosse del buon vino, specificando che di fianco alla porta ci fosse scritto EST una sola volta in caso di vino buono, e due volte in caso di vino molto buono.

Pare che a Montefiascone, vescovo e imperatore, si siano imbattuti in un’osteria sulla cui porta EST era scritto ben tre volte con sei punti esclamativi. E in effetti trovarono il vino davvero delizioso, in particolare il vescovo Defuk che, terminata la missione decise di ritornare a Montefiascone e ci rimase fino alla morte, pare provocata proprio dalle eccessive bevute di questo vino bianco fresco e aromatico.