Umbria IGT Grek 2018, Palazzone

Un bianco non per tutti

Umbria IGT Grek 2018, Palazzone

Alla fine degli anni '60 Angelo Dubini e la moglie Maria Locatelli acquistano il "Podere Palazzone", residenza storica di epoca medievale ubicata non lontano da Rocca Ripesena, situata nella zona nord-ovest della ruppe orvietana, tra Umbria e Lazio. 

A partire dagli anni '80, sotto la guida aziendale del figlio Giovanni, Palazzone inizia un percorso di sperimentazione ed innovazione per sfruttare le potenzialità del terreno grazie a reimpianti che hanno interessato i vigneti più vecchi. 


L'attuale vigneto di 24 ettari che circonda Palazzone è situato tra i 210 e 340 metri sul livello del mare su terreni di origine sedimentaria e argillosa. Le viti sono state piantate ad intervalli più ravvicinati rispetto a quelli degli impianti tipici della zona per obbligare le piante a gareggiare tra loro e assorbire gli elementi nutritivi, con il risultato finale di un frutto più intenso e complesso. 

L'immagine che rende l'idea dei vigneti è un puzzle costituito da aree piccole, anche piccolissime, con caratteristiche peculiari. 


Nel 1991, tra gli altri, è stato piantato il grechetto, identificato da opportune selezioni clonali e che rappresenta il contributo alla riscoperta e valorizzazione di un antico vitigno dell'Umbria capace di incarnare la tradizione e tipicità del territorio. 


L'Umbria IGT Grek 2018 è prodotto da uve grechetto in purezza vinificato in acciaio e rappresenta il cosidetto "vino d'entrata". 

Dal colore giallo dorato, i sentori di fiori gialli macerati, di ginestra, ma anche di frutta matura come la pera e il melone, la frutta esotica, contornato da sbuffi di miele di'acacia e un finale di note erbacee di fieno, chiude con una leggera nota ossidativa che gli conferisce ulteriore complessità di profumi. In bocca entra morbido, coerente con le sue note olfattive; il gusto è pieno e avvolgente, con un bel finale sapido e un fondo leggermente tannico con sensazioni di mandorla amara. 

Non è un vino di facile approccio poichè la leggera nota ossidativa, che gli conferisce ulteriori sfaccettature, potrebbe sembrare un difetto a livello gustativo. E' un vino che non vuole essere perfetto, dato il carattere e la scontrosità, ma che vuole farsi riconscere per la sua autenticità. 

Possiamo abbinarlo a un'ottima zuppa di legumi o di pesce, altrimenti è apprezzabile anche come vino da meditazione. 

Umbria IGT Grek 2018, Palazzone

Vino

Cantina

Annata

Denominazione

Vitigno

Tipologia

Località

Tenore Alcolico

14% Vol

Abbinamento

Caratteristiche

Vino fuori dagli schemi, Ottimo rapporto qualità/prezzo

Capacità di Invecchiamento

Fascia prezzo

Data degustazione

maggio

2022

Note